Portale Trasparenza Cittā di Giulianova - Separazioni e divorzi

Il portale della Trasparenza conforme al D.Lgs. 33/2013 - "Amministrazione Trasparente"

Tipologie di procedimento

Separazioni e divorzi

Responsabile di procedimento: Colandrea Miria
Responsabile di provvedimento: Colandrea Miria
Responsabile sostitutivo: Franchini Loredana

Descrizione

Nuove modalità per la separazione dei coniugi, per il divorzio e per la modifica delle condizioni di separazione e di divorzio. Legge 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione dell'arretrato in materia di processo civile. (14G00175) (G.U. n. 261 del 10-11-2014 - Supp. Ordinario n. 84)

Separazioni e divorzi davanti all'avvocato (negoziazione assistita)

La Legge n. 162/2014 prevede all’art. 6 la convenzione di negoziazione assistita da uno o più avvocati per le soluzioni consensuali di separazione personale, di divorzio e di modifica delle condizioni di separazione o di divorzio.

Restano invariati i presupposti per la proposizione della domanda di divorzio (tre anni ininterrotti di separazione personale dei coniugi, oltre alle altre ipotesi previste dalla legge n. 898/1970).

Chi è interessato ad adottare tale nuova procedura deve rivolgersi esclusivamente ad un avvocato per la verifica dei presupposti di legge e per tutti gli adempimenti normativi previsti.

La procedura è possibile sia in assenza che in presenza di figli minori, di figli maggiorenni portatori di handicap grave e di figli maggiorenni non autosufficienti:

  • nel primo caso l’accordo concluso è valutato esclusivamente dal Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, che, quando non ravvisa irregolarità, trasmette il nullaosta agli avvocati;

  • nel secondo caso (figli minori o non autosufficienti), l'accordo concluso deve essere trasmesso, entro 10 giorni, al Procuratore della Repubblica presso il Tribunale competente, il quale, se ritiene che lo stesso risponde all'interesse dei figli, lo autorizza. In caso contrario lo trasmette, entro cinque giorni, al Presidente del Tribunale, il quale fissa, entro i 30 giorni successivi, la comparizione delle parti, provvedendo, senza indugio al rilascio dell'autorizzazione.

L’avvocato dovrà trasmettere, tassativamente entro 10 giorni, dalla data di comunicazione alle parti del provvedimento del Procuratore della Repubblica (nulla osta o autorizzazione), al comune di iscrizione o trascrizione dell’atto di matrimonio, copia autenticata dell'accordo concluso.

La documentazione può essere inoltrata via pec al seguente indirizzo: statocivile.anagrafe@comunedigiulianova.it

Separazioni e divorzi davanti all'Ufficiale di Stato Civile

L’art. 12 della Legge n. 162/2014 prevede, a decorrere dall’11/12/2014, la possibilità per i coniugi di comparire direttamente innanzi al Sindaco, quale Ufficiale dello Stato Civile del Comune o all'Ufficiale dello Stato Civile, al quale le funzioni sono state delegate ai sensi dell'art. 1 comma 3, del DPR 396/2000, del comune di residenza di uno di loro o del al comune di iscrizione o trascrizione dell’atto di matrimonio, per concludere un accordo di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.

L’assistenza degli avvocati difensori è facoltativa.

Tale modalità semplificata è a disposizione dei coniugi solo quando non vi siano figli, comuni dei coniugi richiedenti, minori o portatori di handicap grave o economicamente non autosufficienti, e a condizione che l’accordo non contenga patti di trasferimento patrimoniale.

Non rientra, invece, nel divieto della norma la previsione, nell'accordo concluso davanti all'ufficiale dello stato civile, di un obbligo di pagamento di una somma di denaro a titolo di assegno periodico, sia nel caso di separazione consensuale (c.d. assegna di mantenimento), si nel caso di richiesta congiunta di cessazione degli effetti civili o scioglimento del matrimonio (c.d. assegno divorzile).

Le parti possono inoltre richiedere, sempre congiuntamente, la modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio già stabilite ed in particolare possono chiedere l'attribuzione di un assegno periodico (di separazione o di divorzio) o la sua revoca o ancora la sua revisione quantitativa.

Non può costituire oggetto di accordo la previsione della corresponsione, in unica soluzione, dell'assegno periodico di divorzio (c.d. liquidazione una tantum).

L'Ufficiale dello Stato Civile riceve da ciascuna delle parti la dichiarazione di volontà di separazione, di divorzio o di modifica delle precedenti condizioni di separazione o di divorzio.

Sarà necessario presentare, inoltre, una dichiarazione, di entrambi i coniugi, ai sensi dell'art. 46 del DPR 445/2000, di assenza di figli ricadenti nelle condizioni precedenti. L'Ufficiale dello Stato Civile disporrà idonei controlli di veridicità delle dichiarazione rese ai sensi dell'art. 71 del citato DPR.

Al fine di promuovere una maggiore riflessione sulle decisioni in questione, è stato previsto un secondo passaggio dinanzi all’Ufficiale di Stato Civile a distanza di non meno di 30 giorni, per confermare l'atto. La mancata comparizione equivale a mancata conferma dell'accordo.

Per la proposizione della domanda di scioglimento e cessazione degli effetti civili del matrimonio, le separazioni devono essere protratte ininterrottamente da almeno dodici mesi dall'avvenuta comparizione dei coniugi dinnanzi al presidente del tribunale nella procedura di separazione personale e da sei mesi nel caso di separazione consensuale, anche quando il giudizio contenzioso si sia trasformato in consensuale, ovvero dalla data certificata nell'accordo di separazione raggiunto a seguito di convenzione di negoziazione assistita da un avvocato ovvero dalla data dell'atto contenente l'accordo di separazione concluso innanzi all'ufficiale dello stato civile.  

All’atto della conclusione dell’accordo dovrà essere corrisposto il diritto fisso non superiore a € 16,00, con pagamento in contanti.

Si può accedere a tale servizio previo appuntamento, rivolgendosi all'Ufficio Stato Civile Corso Garibaldi piano terra nei sotto elencati orari e recapiti:

lunedì e venerdì dalle ore 10:00 alle ore 12 :00;

martedì e giovedì dalle ore 16:00 alle ore 18:00

numero telefono : 085/ 8021246             fax 085/8004764

e-mail : m.colandrea@comune.giulianova.te.it       

 

 

 


 

Chi contattare

Personale da contattare: Colandrea Miria

Termine di conclusione

Conclusione tramite silenzio assenso: no
Conclusione tramite dichiarazione dell'interessato: si
30 giorni

Costi per l'utenza

 € 16,00

Modulistica per il procedimento

Riferimenti normativi

Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ....

Servizio online

Tempi previsti per attivazione servizio online: 31.12.2015
Contenuto inserito il 15-12-2014 aggiornato al 14-03-2018
Facebook Twitter Google Plus Linkedin
- Inizio della pagina -
Recapiti e contatti
Corso Garibaldi, 109 - 64021 Giulianova (TE)
PEC protocollogenerale@comunedigiulianova.it
Centralino +39.085.80211
P. IVA 00114930670
Linee guida di design per i servizi web della PA
Il progetto Portale della trasparenza č sviluppato da ISWEB S.p.A. www.isweb.it